{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Un quadro dettagliato e completo sull’importante ruolo dell’industria chimica nella mobilità è stato presentato nel pomeriggio il 24 luglio scorso da Federchimica durante un’audizione informale al Senato presso le Commissioni riunite Lavori pubblici e Ambiente.

Henkel e Gruppo CMT insieme per accelerare la digitalizzazione dei propri clienti. La collaborazione mostra chiaramente che è possibile diffondere modelli virtuosi di digitalizzazione presso tutto la filiera, dai processi interni fino ai clienti.

Chemicals output ▲2.1%, Chemicals producer prices ▲5.7%, Chemicals sales ▲7.8%, Domestic sales ▲6.5%, Exports ▲10.8%, Imports ▲5.2%, Consumption▲6.2%.
A decade since the launch of REACH has passed, with the 2018 REACH registration deadline looming on the horizon for Europe’s chemical companies.


▼ Deterioration
▲ Improvement

Production reaches highest level in eight years
Production in the EU chemicals sector grew 2.4% through April 2017 compared to the same period of 2016. Output rose in most chemicals sub-sectors. Production saw a significant increase in plastics (8.0%), dyes and pigments (3.7%), basic inorganics (3.3%), and cosmetics (1.9%). No significant growth for specialty chemicals (0.5%) was recorded. Output reached the highest level for eight years. ▲

Producer prices above previous year’s level for first time in four years
The upward trend of prices accelerated at the beginning of the year and, for the first time in four years, producer prices were above the
previous year’s level. Larger production volumes and the persistent upward trend of producer prices brought a clear rise in sales. The positive development of industrial demand and encouraging construction activities drove chemical business in the EU market. ▲

Domestic sales up by €5.6 billion during first quarter of 2017 (y-o-y)
Domestic sales developed favourably through March 2017. Sales revenue generated by EU companies in the EU single market reached the value of €92.0 billion through March 2017. This represents an additional revenue of €5.6 billion (6.5 per cent, y-o-y). ▲

Exports revenue up by €3.9 billion during first quarter of 2017 (y-o-y)
EU chemicals exports outside the European Union reached the value of €39.7 billion during the first quarter of 2017, generating an additional revenue of €3.9 billion compared to the first quarter of 2016 (10.8 per cent). ▲

Total sales up by €9.5 billion through March 2017 (y-o-y)
Sales revenue (domestic + exports) posted the value of €131.7 billion during the first quarter of 2017, up from €122.2 billion through March 2016 (7.8 per cent, y-o-y). Total sales went up by €9.5 billion through March 2017, with exports outside the EU contributing to 40% of this additional sales revenue. ▲

Imports up by €1.3 billion during first quarter of 2017 (y-o-y)
EU chemicals imports from the non-EU area were valued at €27.4 billion during the first quarter of 2017, up from €26.1 billion registered one year ago (5.2 per cent, y-o-y). ▲

Consumption up by €7.0 billion through March 2017 (y-o-y)
Chemicals consumption in the EU home market developed positively through March 2017. Consumption went up significantly, generating an additional value of €7.0 billion (6.2 per cent, y-o-y). ▲

Trade surplus up by €2.5 billion through March 2017 (y-o-y)
The trade surplus generated by the EU chemicals sector outside the European Union reached the value of €12.3 billion during the first quarter of 2017, up from €9.7 billion recorded during the same period of 2016. The trade performance of the EU chemicals sector (in value) improved, with export growth far outstripping import growth through March 2017. ▲

Cefic looks forward to next 20 years of REACH
A decade since the launch of REACH, and with the 2018 REACH registration deadline looming on the horizon for Europe’s chemical companies, Cefic gathered representatives from industry, authorities and the political sphere to discuss how Europe’s legislative framework for chemical management can be strengthened over the coming decades. Also on the table was the future of REACH in a post-Brexit world.
The main topic concerned the future of REACH. “Industry’s main priority is – now that we have the benefit of ten years’ experience, to enhance our focus on quality improvement to make sure REACH has a bright future”, said Erwin Annys, Cefic REACH Director, during his presentation. “Prior to the advent of REACH, authorities evaluated 141 substances in 15 years, he said. Since REACH, this has increased to 30,000 substances registered over the last 10 years – a testimony to the joint work of industry and authorities. This is a step-by-step approach that takes continuous improvement and we look forward to the next decades of cooperation with authorities.”

REACH and substitution
REACH is innately complex, and the knowledge about the safe use of chemical substances is constantly evolving. For chemical manufacturers, innovating involves looking at the essence of your product portfolio and trying to predict what the future will hold so that laws don’t lead to wasted investment in these new products which could be unexpectedly prohibited in certain applications.

REACH in a post-Brexit world
According to Silvia Segna, representative of the UK Chemicals Industry Association (CIA), the UK will have a major task ahead if a decision will be taken to transpose REACH into UK law, as Brexit negotiations unfold. “Copy paste is not possible where REACH is concerned, because some laws just cannot be directly copied in UK law. Some changes will certainly have to be proposed by the UK government, using secondary legislation”, she said.
A recent public enquiry into REACH by the House of Commons in the UK sought to examine this, and further work will need to be done to ensure that chemicals imported into Europe meet Europe’s high standards for health and environmental safety. Meanwhile, CIA advocate for the UK to pay if necessary in order to still maintain their participation in REACH. The ultimate priority is tariff-free access to the EU’s single market, plus regulatory consistency.

www.cefic.org

Marco Colatarci, Country Manager di Solvay in Italia, è stato nominato Vicepresidente di Federchimica, la Federazione Nazionale dell’Industria Chimica, con delega alle relazioni industriali. Dal 2012 è membro di Giunta e del Consiglio Direttivo di Federchimica e dal 2015 di Assolombarda.
Nato nel 1954 e di origine livornese, Marco Colatarci è dal 2013 Country Manager di Solvay in Italia, con la responsabilità del Centro Direzionale di Bollate (MI). É presidente con delega delle diverse società del Gruppo nel nostro Paese: Solvay SA, Solvay Specialty Polymers Italy Spa, Solvay Chimica Italia SpA, Solvay Solutions Italia Spa, Solvay Cytec Mondovì Srl, Solvay Energy Services Italia Srl.
Colatarci, sposato e con un figlio, è laureato in Ingegneria Meccanica presso l’Università degli Studi di Pisa. Ha conseguito i Master in “Managing in the Uncertainly” presso la Business London School, in “Business Executive Development” presso l’IMD di Losanna, in “Analisi del Valore” e Creatività nell’impresa” presso la Scuola di Amministrazione Aziendale dell’Università “Luigi Bocconi” di Milano.
Ha iniziato la sua carriera presso la Società Sarplast S.p.A. operante nel settore del “Composite Piping Manufacturing” come Ingegnere Responsabile dei Servizi Tecnici e Manutenzione di Stabilimento, partecipando a vari progetti internazionali.
É entrato a far parte del Gruppo Solvay nel 1989, iniziando a lavorare nella società controllata GOR AS S.p.A., con sede a Pinerolo -TO- e operativa nel settore automotive. Nel 1998 è diventato Direttore di Stabilimento e nel 2000 Amministratore Delegato, gestendo le joint venture create in Cina, Corea e le start-up avviate in Brasile.
Nel 2002 è stato nominato European Managing Director alla Solvay RBU PVC Rigid Foils e Amministratore Delegato delle due Società ADRIAPLAST S.p.A. & CALEPPIOVINIL, situate nel Nord Est in Italia.
Ha proseguito la sua carriera nel Gruppo Solvay, diventando nel 2005 Direttore Risorse Umane Solvay Italia e della società Solvay Solexis e successivamente nel 2011 ha ricoperto la carica di Deputy Country Manager di Solvay in Italia.

Qualche nota su Solvay…
Il Gruppo Solvay ha raggiunto 154 anni di storia industriale: è stato fondato in Belgio da Ernest Solvay nel 1863. Oggi, con headquarters a Bruxelles, è attivo a livello internazionale nel settore chimico e delle materie plastiche ed è operativo con 140 siti in 58 Paesi, con una forza lavoro di circa 27.000 unità. Nel 2016 ha realizzato un fatturato netto di 10.9 miliardi di euro.
Dopo l’acquisizione della società Rhodia, avvenuta nel 2011, il Gruppo Solvay è diventato un “major leader” chimico mondiale, con il 90% delle vendite nei mercati dove è tra i 3 top global leader.
Nel dicembre 2015, ha realizzato un’altra importante acquisizione: la società Cytec, che opera a livello internazionale ed è specializzata nel settore delle forniture per l’industria aereospaziale. Ciò ha consentito un potenziamento della capacità di offerta negli Advanced Materials e una ulteriore penetrazione nei mercati ad elevate tecnologie. Cytec è un Gruppo americano e ha uno stabilimento anche in Italia, a Mondovì (CN) in Piemonte. Viene così incrementata ulteriormente la presenza industriale di Solvay nel nostro Paese.

…e su Solvay Italia
Solvay in Italia ha celebrato 105 anni di attività: è presente infatti dal 1912 con il primo storico insediamento chimico in Toscana nell’area di Rosignano Solvay.
Oggi è uno dei più importanti gruppi chimici in Italia. Opera con 8 stabilimenti e la Direzione Nazionale che è situata a Bollate nei pressi di Milano, dove lavorano 438 dipendenti. La forza lavoro italiana complessiva è di circa 2.000 unità. Le varie aziende in Italia hanno realizzato nel 2016 un fatturato di 1.350 milioni di euro. Solvay in Italia sviluppa le varie produzioni chimiche e plastiche del Gruppo, di cui rappresenta circa il 10% dell’attività internazionale, caratterizzandosi come uno dei paesi più significativi in cui opera.
Gli stabilimenti Solvay italiani sono localizzati a Bollate (MI), Ospiate (MI), Spinetta Marengo (AL), Mondovì (CN), Porto Marghera (VE), Livorno, Massa, Rosignano Solvay (LI).
Gli investimenti nei vari siti italiani si quantificano in circa 100 milioni/anno di euro, divisi fra modernizzazione delle tecnologie, interventi per l’impatto ambientale, manutenzioni mirate all’eccellenza produttiva, progetti speciali per la realizzazione di nuovi impianti, produzione e gestione dell’energia.

www.solvay.com
www.solvay.it

Chemistry 4.0: eventually,
less Regulation and more Innovation!

 

Milano, 29 giugno 2017 Ore 9.30
Auditorium Federchimica
Via Giovanni da Procida,11


Ogni giorno leggiamo sui media dello straordinario impatto che la robotica, l’intelligenza artificiale, il business analytics, il Big Data, il Data Mining, l’iClouding stanno trasferendo sull’industria manifatturiera e dei servizi del Paese.
Federchimica ha quindi strutturato un workshop per valutare ciò che sta avvenendo nell’industria chimica, invitando grandi e medie imprese associate (BASF, Fio Chemical, L’Oreal, Sasol, Sipcam, Solvay) a interagire con 4 Esperti di “4.0” (Deloitte, Oracle, Primomiglio, PwC) e a presentare ai partecipanti le proprie competenze e esperienze manageriali.

VISUALIZZA IL PROGRAMMA

Per partecipare, contattare Annalisa Asti (+39 02 34565267 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

www.federchimica.it

 

Prevista crescita vicina al 3% nel primo semestre 2017. Vola l’export, +9,5% nel primo quadrimestre. Per accompagnare la ripresa il settore chiede meno vincoli strutturali, più semplificazione e armonizzazione normativa, anche in ambito europeo.

25 premi, 12 vincitori individuali e 13 scuole. Vediamo quali sono stati i lavori presentati e premiati nel corso del Premio Nazionale Federchimica Giovani tenutosi in Federchimica.

È un italiano il nuovo Presidente di PlasticsEurope. Si tratta di Daniele Ferrari, CEO di Versalis (Eni), che ha un’esperienza di oltre 25 anni nell'industria chimica nel nostro Paese. Gli abbiamo rivolto alcune domande.

Un’opportunità unica per riconnettere economia, ambiente e società: a Roma il lancio ufficiale della strategia italiana sulla bioeconomia.

Il 14 marzo scorso il Parlamento europeo ha approvato le risoluzioni di modifica delle quattro direttive sui rifiuti e sugli imballaggi presentate dall’europarlamentare PD Simona Bonafè.

Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…