{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Assogenerici: con la Spc Export Exeption oltre 4mila posti di lavoro in più

Le prospettive della deroga al Certificato complementare in discussione in Europa analizzate in occasione degli “Incontri Asis 2017”, meeting annuale dell’Associazione studi sull’industria della salute, in corso a Tirrenia (PI).

“Nel nostro Paese per ogni euro speso per la produzione farmaceutica, si generano 2,09 euro distribuiti su tutti i settori dell'economia nazionale e le scadenze brevettuali dei prossimi 5 anni rappresentano un mercato di circa due miliardi di euro su cui puntare. Ma per capitalizzare l’opportunità industriale offerta dai farmaci equivalenti e dai biosimilari servono regole nuove a partire dalla export exception, di cui ancora si discute a livello europeo, per produrre su scala industriale in vigenza del certificato di protezione complementare (Supplementary Protection Certificate - SPC) ed esportare nei Paesi dove il questo è già scaduto o non è in vigore. Questa misura metterebbe l’Italia al passo con i diretti competitor degli States e avrebbe ricadute occupazionali fino a oltre 4mila nuovi posti di lavoro in più nel settore”.
A tracciare il quadro delle prospettive offerte al comparto dall’attesa deroga al Certificato complementare orientata all’export è stato, Enrique Häusermann, presidente Assogenerici, intervenendo oggi ai lavori degli “Incontri Asis 2017”, meeting annuale dell’Associazione studi sull’industria della salute, in corso a Tirrenia (Pisa).
“Le 60 aziende aderenti ad Assogenerici forniscono farmaci fondamentali per la pratica clinica quotidiana per un fatturato complessivo di 2,6 miliardi (il 37% in media dall’export), garantiscono oltre 10mila posti di lavoro (il 91% a tempo indeterminato) e investono in media 100 milioni di euro annui”, ha spiegato Hausermann. “Tuttavia il settore si trova oggi ad affrontare un rallentamento della crescita e quindi del suo contributo alla governance del sistema”.
Nel mirino del presidente Assogenerici una regolamentazione brevettuale che ha contribuito a rendere l’India e la Cina due dei paesi di maggiore riferimento per la produzione farmaceutica mondiale: “La necessità di non violare la regolamentazione europea in materia di divieto di produzione su scala industriale di farmaci generici e biosimilari in vigenza di SPC ha spesso imposto agli imprenditori di andare a sviluppare e produrre questi farmaci fuori dal mercato europeo e la maggior parte degli sviluppatori/produttori di farmaci nei paesi extra-UE ha imposto accordi di esclusiva per la produzione che superano la scadenza brevettuale garantita dall’SPC, costringendo le multinazionali a mantenere la produzione al di fuori dell'UE”, ha spiegato. “È per questo complesso di cause che l'industria italiana rischia di non capitalizzare l’opportunità industriale offerta dai farmaci generici: una proroga del brevetto paragonabile all’SPC europeo non esiste in altri Paesi nostri concorrenti come India, Cina, Argentina, Brasile; in altri Paesi, come il Canada, esiste una deroga all’esportazione, mentre i nostri diretti competitor, gli Usa, hanno protezioni brevettuali in media più brevi per la rapidità di arrivo sul mercato di nuovi prodotti”.
Per questo la cosiddetta "Spc Export Exception", ovvero una deroga al Certificato complementare orientata all’export, consentirebbe alle aziende di equivalenti e biosimilari la produzione di farmaci in vigenza dell’SPC per esportare in Paesi in cui il brevetto o l’SPC è già scaduto, riducendo il bias regolatorio con i Paesi concorrenti, ristabilendo una concorrenza leale, rafforzando la competitività dell'industria farmaceutica italiana e creando nuova occupazione, il tutto senza creare danno alle produzioni farmaceutiche coperte da brevetto.
“Nel luglio scorso la Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori del Parlamento europeo nella sua relazione sulla strategia del mercato unico si è espressa proprio a favore della "Spc export exception" e ha sancito l'impegno per la Commissione europea a introdurre la misura”, ha concluso Häusermann. “Speriamo che l’Europa prosegua con determinazione su questa strada e che anche l'Italia si apra a questa possibilità”.

www.assogenerici.it

Letto 323 volte
Etichettato sotto
Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…