{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Molti produttori di strumentazione hanno adottato la tecnologia a barra di torsione nelle applicazioni di misura di livello. Tuttavia, molti professionisti operanti in vari settori dell’industria di processo - tra cui il settore chimico, petrolchimico, energetico, pulp and paper, energetico nucleare, raffinazione e gas naturale - sono giunti alla conclusione che la tecnologia a dislocatore rappresenta una soluzione più affidabile per il controllo e la misura di livello rispetto a quello a barra di torsione, data la stabilità del segnale in uscita, l’integrità strutturale e la semplicità d’uso intrinseche.
Mettiamo a confronto un trasmettitore con trasformatore lineare a differenziale variabile (LVDT) con tecnologia a molla, che, a titolo di esempio, è il principio di funzionamento impiegato dal trasmettitore di livello a dislocatore Magnetrol® E3 Modulevel®.
· Mentre le barre di torsione possono essere eccessivamente sensibili, la tecnologia a dislocatore con molla, attenua gli effetti derivanti da vibrazioni, agitazioni e turbolenze per fornire stabilità nelle applicazioni più difficili. Inoltre, il campo di trasmissione più lungo e l’effetto di smorzamento della molla generano un segnale di uscita 4 volte più stabile rispetto a quello di una barra di torsione.
· I cuscinetti a spigolo vivo, che supportano la barra di torsione in corrispondenza delle estremità, generano punti di elevata usura e attrito durante il movimento torcente del tubo contro di essi. A differenza delle barre di torsione, il movimento della molla è immune sia dal rischio di usura che dall’eventuale attrito, fattori che possono compromettere l’accuratezza della misurazione e la durata dello strumento.
· Il movimento torcente della barra può comportare rotture da stress del tubo stagno, così come una più veloce corrosione dovuta a stress indotti. Il tubo stagno di un trasmettitore di livello a dislocatore con tecnologia a molla, invece, essendo isolato dalla pressione statica, non è soggetto ad alcuno di tali guasti indotti.
· I trasmettitori a dislocatore, presentando un design verticale compatto, sono inoltre più semplici da installare rispetto alle barre di torsione e semplificano notevolmente la manutenzione data la possibilità di rimuovere la sua elettronica senza la necessità di dover depressurizzare la camera o il processo. Al contrario, la rimozione di un trasmettitore a barra di torsione richiede l’arresto dell’intero processo oltre a onerosi tempi di inattività.
· Oltre a ciò, i trasmettitori di livello a dislocatore presentano una testa girevole a 360° che consente di configurare molto semplicemente l’orientamento e il montaggio destrorso o sinistrorso del display e delle connessioni elettriche. Le barre di torsione, invece, devono essere configurate in fabbrica dovendo prevedere preventivamente l’orientamento del display a sinistra o a destra della camera. Questo aspetto limita la flessibilità delle barre di torsione in campo, a differenza dei dislocatori, avendo un orientamento fisso.
· La tecnologia del trasmettitore a dislocatore offre inoltre versatilità di impiego e semplicità di misura grazie anche alla possibilità di montaggio remoto fino a ca. 120 metri dallo strumento. Ciò rappresenta un vantaggio significativo rispetto alle barre di torsione che devono invece essere montate a non più di ca. 10 metri dal sensore.

www.magnetrol.com

Per assicurare la protezione degli operatori, SNCF ricercava una tuta protettiva che unisse le funzioni di barriera chimica e alta visibilità. Una sfida alla quale DuPont Protection Solutions ha risposto tramite lo sviluppo, in stretta collaborazione con i team di SNCF, della tuta da lavoro Tyvek® 500 HV.

Bosch inaugura l’innovativo Campus IT, nuovo quartier generale dell'IT globale di Bosch
A Stoccarda il nuovo centro per lo sviluppo di modelli di business digitali. Stefan Asenkerschbaumer: "Il nuovo campus è un chiaro segnale del nostro impegno nel rendere Stoccarda un polo tecnologico”.

SV111 è il calibratore vibrometrico portatile prodotto da Svantek conforme alla ISO 8041, multifrequenza (16 Hz, 80 Hz, 160 Hz e 640 Hz) e multilivello (1 m/s2 o 10 m/s2). Permette la calibrazione in campo di accelerometri in genere, accelerometri per misure sul sistema mano-braccio e accelerometri per il corpo intero (disco in gomma), in questo caso senza la necessità di smontaggio del sensore dal disco, perché può essere caricato con un peso fino ad 1 kg, facilitando e migliorando così la calibrazione ed evitando possibili danni all'accelerometro e perdite di tempo. L’accelerometro di riferimento triassiale e lo shaker controllato da un microprocessore garantiscono un eccellente stabilità sia del livello che della frequenza di vibrazione. L’accelerometro triassiale di riferimento controlla i tre assi e i rispettivi LED presenti permettono di verificare un eventuale montaggio improprio dell’accelerometro da calibrare. L’adattatore fornito è progettato per gli accelerometri (corpo intero) SV39, SV38, SV38 V e dosimetro SV100A, ma può essere facilmente utilizzato per altri accelerometri, compresi quelli per mano braccio di tipo MEMS (SV105 e SV107 di Svantek) e quelli IEPE/ICP. Posto all’interno di una valigia portatile estremamente robusta con batterie interne ricaricabili, SV 111 è l'ideale per la calibrazione degli accelerometri sul campo in perfetta conformità con quanto specificato dalla ISO 8041.
Il calibratore accelerometrico SV 110 è progettato per testare in situ sia le sonde per vibrazioni industriali sia le sonde per le vibrazioni al corpo umano in accordo alla ISO 8041. Le ridotte dimensioni di SV 110 permettono pratici controlli degli accelerometri posti presso i macchinari. In funzione della frequenza selezionata l’utente può selezionare il livello di calibrazione da 1 m/s² a 10 m/s². Gli accelerometri sono opportunamente montati utilizzando viti, dischi o adattatori dedicati. Il menu del calibratore consente di selezionare come unità di misura sia 'g' sia 'm/s²'. Il menu è accessibile tramite tre semplici pulsanti e un piccolo schermo OLED. SV 110 è la soluzione perfetta per calibrazioni in campo di accelerometri per vibrazioni al Mano/Braccio, incluse le sonde di SV 103 e SV 106. In accordo ai requisiti della ISO 8041, l’accelerometro di riferimento integrato nel calibratore misura le vibrazioni ‘cross-axis’ (trasversali) per individuare qualsiasi interferenza al segnale di calibrazione. Errori dovuti a vibrazioni trasversali sono indicati dai due LED posti sul dispositivo. Questa soluzione unica assicura stabilità al livello e frequenza di calibrazione indipendentemente dalla massa della sonda testata. Il dispositivo è dotato di batteria integrata ricaricabile che garantisce fino a 12 ore di continua operatività.

www.svantek.it

A partire dallo scorso settembre è disponibile il nuovo catalogo WORLD WIDE WORK by MEWA 2017/2018, che contiene un’ampia scelta di articoli di antinfortunistica di marca a integrazione dell’offerta dell’azienda specializzata in abbigliamento protettivo  e gestione di servizi tessili.

Con sede a Meda (MB), Bellkin rappresenta e distribuisce in esclusiva per l’Italia i prodotti dell’azienda inglese Kinetrol Ltd, che dal 1958 realizza attuatori rotanti 1/4 di giro di elevata qualità.
Lo speciale design a palmola, unito alle caratteristiche delle guarnizioni, consentono un elevatissimo ciclo di vita senza perdita di prestazioni. Pertanto, anche nelle peggiori condizioni di lavoro, si possono tranquillamente raggiungere i 4 milioni di azionamenti.
L’assenza di meccanismi e di ingranaggi soggetti ad usura, unita alla qualità delle lavorazioni ed ai collaudi rigorosi a cui sono sottoposti i prodotti Kinetrol, li rende componenti sicuri ed affidabili nelle loro prestazioni.
Il consumo d’aria compressa di un’unità Kinetrol è circa il 30% inferiore rispetto a quello di un’analoga unità Rack&Pinion e ScotchYoke in quanto la palmola genera un momento torcente puro sull’asse di rotazione.
L’assenza di ingranaggi consente inoltre un posizionamento molto preciso ed una ripetibilità eccezionale, ideale nelle applicazioni modulanti.
L’attuatore Kinetrol è un prodotto tecnologicamente evoluto che garantisce qualità e affidabilità in applicazioni heavy duty con conseguente sicura soddisfazione del cliente. I prodotti Kinetrol possono davvero risolvere molti problemi in tutte le applicazioni dove è richiesta una rotazione 1/4 di giro garantita da un prodotto con prestazioni superiori allo standard di mercato.

www.bellkin.com
.

Mitsubishi Electric presenta una serie di innovazioni tecnologiche, fondamentali per la gestione di impianti di produzione d’energia, sviluppate per migliorare la produttività e il controllo.

Presso la sede ABB di Genova Sestri abbiamo visitato i centri di monitoraggio collaborativi (Collaborative Operations Center - COC), basati sulla tecnologia digitale ABB AbilityTM. Il COC di Sestri opera al servizio delle utility energetiche e dell'acqua nonché delle reti di generazione distribuita, mentre il COC Molo Giano (Porto di Genova serve il comparto navale.

A Verona, presso il Palazzo della Gran Guardia, il 24 e 25 ottobre torna il Forum Telecontrollo: la mostra-convegno dedicata a “Telecontrollo Made in Italy. Evoluzione IoT e digitalizzazione 4.0”, organizzata dal Gruppo Telecontrollo, Automazione e Supervisione delle Reti di ANIE Automazione, in collaborazione con Messe Frankfurt Italia. Al centro del dibattito la convergenza tra le diverse tecnologie attraverso i nuovi paradigmi della digitalizzazione e dell’intelligenza distribuita.

Mercoledì 25 ottobre alle 14.30 COMSOL® terrà un webinar gratuito dedicato alla progettazione di batterie e celle a combustibile con la simulazione.

Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…