{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Usare la creatività per risolvere problemi e prendere decisioni

Houston, we’ve had a problem! Utilizzare le esplorazioni dell’Apollo per parlare di qualcos’altro. Questo è l’originale concept di un corso che insegna ad utilizzare la creatività per risolvere i problemi e prendere le giuste decisioni nel lavoro e nella vita di tutti i giorni. Vediamo di che cosa si tratta.

Ing. Renato Bonanni, Amministratore Delegato di MultiOlistica srl

Alcuni anni fa la LUISS Business School mi incaricò di progettare ed erogare un corso di Problem Solving e Decision Making per un proprio Cliente Corporate. Questa richiesta, apparentemente standard per un docente, mi diede in realtà l'opportunità di cimentarmi in qualcosa di completamente nuovo e intrigante.
Chi mi conosce sa che mi occupo da sempre di creatività e che ne faccio ampio uso come supporto didattico nei miei corsi e non solo. Ma in questo caso era diverso, perché avevo la possibilità di insegnare direttamente come utilizzare la creatività (anche e soprattutto a chi crede di non averla) e in che modo sfruttare questa capacità per risolvere problemi e prendere decisioni.
Non so se abbiate mai sperimentato la difficoltà di spiegare ad altri qualcosa che a voi viene naturale, e che pertanto non avete dovuto faticare ad apprendere proprio perché parte di voi. Una bella sfida, non c'è che dire!
E allora ho iniziato a studiare il funzionamento della creatività cercando di apprendere il più possibile dai grandi esperti di questa affascinante materia, sforzandomi nel frattempo di capire meglio anche i miei personali meccanismi cognitivi che non mi erano in fondo molto chiari (e forse a dire il vero non lo sono del tutto neanche adesso...).
Al termine di questa fase preparatoria, ricca di sorprese e scoperte, ho imparato tantissimo, appassionandomi se possibile ancor più all'argomento. A quel punto gli elementi per progettare il corso c'erano ormai quasi tutti, mancava però ancora qualcosa.
Mi occorreva un concept, un filo conduttore attraverso il quale "raccontare una storia" ai miei ascoltatori per rendere più efficace e avvincente l'esperienza didattica. E devo ammettere che non ho fatto grande fatica a trovarlo.

Dalle missioni lunari al pensiero laterale
Come penso molti di voi, sono sempre rimasto affascinato dalle missioni lunari pur non avendo avuto la possibilità, per ragioni anagrafiche, di seguire da contemporaneo quelle magnifiche imprese. E allora ho colto la palla al balzo: ho deciso di utilizzare le esplorazioni dell'Apollo per parlare di qualcos'altro. Eh già, perché quei viaggi rappresentano un concentrato unico nella storia umana di problemi risolti e irrisolti, di decisioni giuste e sbagliate e soprattutto di utilizzo del pensiero creativo, basti pensare alle vicende dell'Apollo 13 (citato nell'incipit di questo articolo) rese ancora più famose dal film di Ron Howard.
E così è nato Luna o l'altra©, il mio corso di Problem Solving e Decision Making che mescola in un grande calderone creativo le tecniche di pensiero laterale di De Bono, l'allunaggio senza strumentazione di Armstrong, le mappe mentali di Buzan, la lucida follia di HAL9000 di Kubrick, il diagramma di Fishbone, la regola di Pareto, il discorso di Kennedy del 1961, le prove di sopravvivenza della NASA, i viaggi di Colombo e Magellano e molto altro.
Ho tenuto la prima sessione di Luna o l'altra© nel 2014 e da allora mi capita spessissimo e in contesti molto diversi. Non so se si tratti del mio corso preferito, di certo è quello che mi stimola di più al punto da spingermi pochi mesi fa a inventare una serie di enigmi di pensiero laterale con cui mi sono divertito a sfidare amici e colleghi trascinandoli in un comune vortice creativo.
Ma allora che cos'è questa strana capacità che ci permette di vedere le cose in modo diverso, ci fa percorrere strade nuove, intuire senza comprendere, generare ordine dal caos e caos dall'ordine? Sembra magia e forse tutto sommato lo è.
Una cosa è certa. La creatività è alla base di ogni attività umana, produce scienza, arte e scoperte. Imparate a riconoscerla e utilizzarla: non ne potrete più fare a meno!

www.multiolistica.com

 

Letto 206 volte
Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…