{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Ddl Lorenzin: pronti per il riordino degli ordini dei Chimici e dei Fisici

Nausicaa Orlandi (pres. Consiglio Nazionale dei Chimici): “Siamo soddisfatti per l’approvazione alla Camera del riordino degli ordini professionali dei Chimici e dei Fisici”.

Il Consiglio Nazionale dei Chimici ha accolto con soddisfazione il voto favorevole della Camera sul Disegno di Legge Lorenzin S. 1324. Il Disegno di Legge riconosce la professione del Chimico come “professione sanitaria” e porta alla nascita dell’Ordine dei Chimici in Federazione degli Ordini dei Chimici e dei Fisici.
“Questo decreto”, commenta Nausicaa Orlandi, presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici, “riconosce un ruolo positivo alla figura del Chimico e riafferma le sue competenze nel comparto sanità. Inoltre, attraverso la creazione di una Federazione di Ordini, se verrà approvato in via definitiva, permetterà una proficua sinergia ed un arricchimento reciproco fra i fisici e i chimici. Ci auguriamo ora una veloce calendarizzazione al Senato in modo che il Decreto diventi legge entro la fine della legislatura”.

Vediamo più in dettaglio cosa prevede il ddl sul tema del riordino degli Ordini, secondo quanto riporta Quotidiano Sanità.

L’articolo 4 opera una revisione della disciplina delle professioni sanitarie, in parte novellando il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato n. 233 del 13 settembre 1946, ai Capi I, II e III, concernenti gli ordini delle professioni sanitarie, gli albi nazionali e le federazioni nazionali, e in parte introducendo nuove disposizioni relative agli ordini e alle federazioni.
Come prima innovazione rispetto alla normativa vigente istituitva degli Ordini il ddl prevede una nuova definizione degli Ordini che vengono definiti come "enti pubblici non economici", che "agiscono quali organi sussidiari (superando così la tradizionale definizione di "enti ausiliari" utilizzata di norma finora ndr.) dello Stato al fine di tutelare gli interessi pubblici, garantiti dall'ordinamento, connessi all'esercizio professionale".
E questa è solo una delle definizioni specifiche sulla natura giuridica degli Ordini sanitari che ora vengono messe nero su bianco entrando nel merito della loro natura economica e patrimoniale, del loro ruolo e delle loro funzioni.
In particolare, la nuova disciplina prevede, come prima accennato, un ammodernamento degli ordini delle professioni sanitarie, adeguando la normativa di riferimento agli ordini vigilati dal Ministero della salute con riferimento al loro funzionamento interno e mutando la denominazione di collegio in ordine. Infatti con la novella di cui al comma 1, innanzitutto, si richiamano gli ordini esistenti dei medici-chirurghi, dei veterinari e dei farmacisti aggiungendo poi, rispetto alla normativa vigente, gli ordini dei biologi e delle professioni infermieristiche, della professione di ostetrica e dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (v. comma 9, articolo 3).
A questi ordini - insieme ai quali è altresì richiamato il nuovo ordine dei fisici e dei chimici - si applicano, in base al rinvio effettuato dal comma 12, le disposizioni del sopra citato D.Lgs.CPS 233/1946. Al riguardo si sottolinea che la disciplina dell'ordine dei biologi è inserita dall'articolo 9 nell'ambito delle professioni sanitarie, cui si aggiunge, a norma del medesimo articolo, la professione di psicologo per la quale, tuttavia, rimane ferma l'attuale normativa in materia di organizzazione, con alcune modifiche (v. articolo 9).
Gli ordini sopra richiamati al comma 1 del capoverso articolo 1 novellato, sono costituiti a livello territoriale: durante l'esame al Senato si è sostituito il termine di provincia con circoscrizioni geografiche corrispondenti alle province esistenti alla data del 31 dicembre 2012.
Rispetto alla normativa vigente, si mantiene la possibilità, in caso di esiguità del numero dei professionisti residenti nella circoscrizione territoriale - in relazione al numero degli iscritti a livello nazionale -, ovvero qualora sussistano altre ragioni di carattere storico, topografico, sociale e demografico, che un ordine abbia per competenza territoriale due o più circoscrizioni geografiche confinanti, ovvero una o più regioni ad opera del Ministero della salute (superando in tal modo il riferimento, ormai datato, all'Alto Commissario per l'igiene e la sanità pubblica), sentite le rispettive Federazioni nazionali e d'intesa con gli Ordini interessati.
Viene anche disposto che per l'esercizio di funzioni di particolare rilevanza, il Ministero della salute, d’intesa con le rispettive Federazioni nazionali e d'intesa con gli ordini interessati, può disporre il ricorso a forma di avvalimento o associazione tra i medesimi.
Infine, viene previsto che nel caso in cui il numero degli iscritti a un albo sia superiore a 50mila unità, il rappresentante legale dell'albo può richiedere al Ministero della salute l'istituzione di un nuovo Ordine che assuma la denominazione corrispondente alla professione sanitaria svolta; la costituzione del nuovo Ordine avviene secondo modalità e termini stabiliti con decreto del Ministro della salute, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

www.chimici.it

Letto 963 volte Ultima modifica il Lunedì, 30 Ottobre 2017 10:27
Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…