{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Innovazione e Ricerca

Innovazione e Ricerca (7)

Fuel from waste? It is possible. But hitherto, converting organic waste to fuel has not been economically viable. a novel catalyst concept, researchers at the Technical University of Munich (TUM) have now managed to significantly reduce the temperature and energy requirements of a key step in the chemical process. The trick: the reaction takes place in very confined spaces inside zeolite crystals.

Al via la call per aziende interessate a realizzare progetti di ricerca e sviluppo sperimentali. Gli 8 migliori saranno finanziati. Scadenza 30 giugno 2017.

Al via il 5 maggio il concorso a premi che celebra i 20 anni della filiale italiana di Phoenix Contact.
Tutti impegnati a rispondere alla domanda “Qual è l’innovazione più utile all’industria da realizzare nei prossimi 20 anni?”.

Le 1200 aziende dell’associazione offrono al sistema manufatturiero italiano le soluzioni tecnologiche per la digital transformation. “Il Piano del Governo rappresenta una grande occasione per l’industria manifatturiera che vuole rinnovarsi e crescere” afferma il Presidente Busetto.

RSPO accoglie con favore la decisione del Parlamento Europeo verso un impegno per il 100% olio di palma certificato sostenibile

RSPO (Roundtable on Sustainable Palm Oil) accoglie con favore la decisione del 9 Marzo 2017 della Commissione Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare del Parlamento Europeo di adottare il rapporto della deputata Kateřina Konečná nel quale si richiede alla Commissione Ue di regolamentare la produzione di olio di palma in senso sostenibile. Si prevede che la domanda globale di olio di palma crescerà in maniera significativa nei prossimi 35 anni, e la RSPO condivide il senso di urgenza della Commissione nell’assicurare una produzione che rispetti criteri di sostenibilità ambientale e sociale.

RSPO accoglie la risoluzione della Commissione Ambiente e l’impegno per la sostenibilità che lo caratterizza” ha commentato Danielle Morley, European Director of Outreach and Engagement di RSPO. “Si tratta di una sfida globale che richiede una risposta collettiva. Dobbiamo alzare il livello del dialogo tra i mercati di sbocco e i Paesi produttori per assicurarci che le misure proposte dall’Unione Europea abbiano un impatto reale. Alzare la barra degli standard di certificazione è importante, ma lo è anche assicurarsi che le aziende si impegnino a una produzione sostenibile attraverso gli schemi di certificazione RSPO e RSPO NEXT”.

Ad oggi, la produzione di olio di palma certificato sostenibile supera l’assorbimento della domanda a livello globale di circa il 50%. RSPO continuerà a promuovere la transizione dalla produzione convenzionale a quella sostenibile in Europa lavorando a stretto contatto con le Pubbliche Amministrazioni, le aziende e i consumatori e accoglie la richiesta della Commissione di un impegno pan-europeo per la fornitura di 100% olio di palma certificato sostenibile e per la firma della Dichiarazione di Amsterdam.

Chi è la RSPO

La Roundtable on Sustainable Palm Oil (RSPO) è un’associazione no profit che riunisce gli stakeholder della filiera dell’olio di palma - produttori di olio di palma, operatori commerciali o raffinatori, produttori di beni di consumo, rivenditori, banche e investitori, ONG ambientaliste, sociali o di sviluppo – per sviluppare e implementare standard globali per la produzione di olio di palma sostenibile. E’ stata formata nel 2004 con l’obiettivo di favorire la crescita e l’uso di prodotti di olio di palma sostenibili tramite standard globali credibili con l’impegno delle parti interessate.  Questa rappresentazione multilaterale si riflette nella struttura di governance dell’RSPO, esprimendo la filosofia della “tavola rotonda” dando eguali diritti ad ogni gruppo e dando loro modo di mettere a punto programmi specifici, facilitando i rapporti tra operatori, invitando alla collaborazione verso un comune obiettivo e a prendere decisioni unanimi.

www.rspo.org

Le nuove gomme hanno fatto registrare un record: il tempo trascorso tra le prime ricerche dedicate alla materia prima e la sperimentazione in pista è risultato di soli 2 anni. Versalis sta studiando le potenzialità del guayule come biomassa di partenza.

La proposta arriva da un gruppo di ricerca di Alma Mater, Caltech e Politecnico di Zurigo: costruire una struttura sotterranea utilizzando metamateriali in grado di ridurre la vulnerabilità sismica di edifici e infrastrutture.

Contattaci su FB

Dal 1973 ICP - Rivista dell’Industria Chimica è il mensile di riferimento dell’industria chimica e farmaceutica e dell’ingegneria di processo in Italia.

 

 

Information

Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…